Vai ai contenuti

La musica ai tempi del Coronavirus

Siamo ormai giunti alla  fine di marzo, mese in cui abbiamo sperimentato la modalità delle video  lezioni. All’accademia musicale Mahler, i docenti, gli allievi e le  relative famiglie hanno collaborato per realizzare le lezioni con  l’utilizzo della tecnologia. Insieme abbiamo superato le difficoltà  iniziali; abbiamo invitato chi non aveva mai utilizzato Skype a  scaricare l’app e a creare un account; sono stare riorganizzate alcune  lezioni per permettere a chi ha più  figli di non sovrapporre le video lezioni; sono state utilizzate varie  piattaforme, da Whatsapp, a Skype e a Zoom, per andare incontro alle  esigenze delle famiglie.
Tutto questo è stato realizzato con la  spinta della passione per la musica per ricreare una “normalità”, in  questo periodo in cui molti aspetti della nostra vita abituale vengono  meno.
Certo, le video lezioni sono molto diverse dalle lezioni  tradizionali, ma ci mostrano aspetti degli allievi che prima non  conoscevamo. Veniamo accolti nelle loro case, nella quotidianità delle  persone e ci sentiamo partecipi della vita degli allievi; facciamo la  conoscenza dei loro animali domestici, dei loro luoghi di studio e di  aneddoti che in occasioni normali non avremmo potuto apprezzare.
Il  supporto delle famiglie è stato insostituibile, perché senza questo  aiuto gli allievi più piccoli non sarebbero stati in grado di utilizzare  i vari dispositivi necessari per le videochiamate. Spesso i genitori  affiancano i ragazzi assistendo alle lezioni, così da poter intervenire  in caso di problemi tecnici.
Anche per i docenti, questa nuova  metodologia di lezione, ha messo in discussione la prassi della normale  lezione, rendendo necessari sostanziali cambiamenti sia nella  preparazione della lezione stessa che nella sua conduzione.
Un grazie enorme va quindi a tutti i docenti, agli allievi e alle famiglie.
INSIEME...
Torna ai contenuti